BLOG - Capodanno, un viaggio sulla Luna e ritorno

Capodanno, un viaggio sulla Luna e ritorno

“Che cosa fai a Capodanno?”
Questa è per me la domanda più temuta dell’anno. Ancora più spaventosa della prima domanda al primo esame di teatro in università, "Mi parli di Eduardo". Giuro sapevo vita morte e miracoli, o forse dovrei dire vita morte e opere teatrali del signor De Filippo, eccetto una cosa, il suo nome. Nella mia mente avevano cominciato a comparire immagini di pagine di appunti, slides, nomi di opere teatrali, lezioni in classe, volti dei miei compagni di corso, ricordi delle vacanze al mare, di Natale, del compleanno e di quella torta squisita al cioccolato con la panna montata, qualsiasi cosa eccetto lui, Eduardo.

Ma andiamo con ordine… Ogni fine estate, tornate dalle vacanze estive, io e le mie amiche ci ripormettiamo: “quest’anno decidiamo subito cosa fare a Capodanno, prenotiamo ora così da non arrivare all’ultimo e non sapere cosa fare”.
L’intento e la buona volontà ci sono, ma in fondo a settembre non siamo ancora nel mood giusto. Perciò aspettiamo… passano i giorni, passano i mesi, l’estate diventa autunno e l’autunno diventa inverno.
Veniamo aggiunte in una miriade di gruppi di whats’up come ad esempio: “Capodanno”, “Capodanno 2017”, “Cosa facciamo a Capodanno”, “Ansia (Capodanno)”…
I discorsi diventano monotematici, ossia come evitare il discorso Capodanno perché tanto abbiamo ancora tempo.

Arriva Natale e noi ancora non sappiamo cosa fare, perché ovviamente i posti dove vorremmo andare sono tutti prenotati o perché con i soldi che andremmo a spendere per fare tre giorni in montagna potremmo tranquillamente organizzare un viaggio sulla Luna e ritorno.
La questione Capodanno è disarmante, uno step da superare, è l’ultima difficoltà per uscire indenni dall’anno corrente, ma non finisce qui, perché Capodanno viene ogni anno, non gli si può sfuggire!
Insomma, credo sarebbe molto più semplice risolvere problemi diplomatici o la questione della fame nel mondo, ma cosa fare l’ultimo dell’anno no, questo è un problema irrisolvibile!

Passa Natale, sappiamo che ci restano ancora pochi giorni, pochissimi al rintocco di quelle lancette che segneranno la mezzanotte, e noi ancora non sappiamo dove andare. L’ansia cresce sempre di più…
Allora mi chiedo… non sarebbe molto più facile far finta che Capodanno non esista e festeggiare a casa su un comodo divano? Io per esempio ho scelto questo divano Chester Velvet verde, verde come la speranza di riuscire ad organizzarmi! ahah

Voi come festeggerete la vostra ultima notte dell’anno?
Auguro a tutti voi uno splendido anno!

Prodotti:
Divano Chester

capodanno, un viaggio sulla luna e ritorno
Lo sapevi che...?
1) Le più antiche testimonianze di festeggiamenti del Capodanno sono attestati nell’Antica Babilonia di circa 4.000 anni fa.
2) I Romani festeggiavano il Capodanno a marzo. Il Senato, nel 153 a.C., fissò il 1 gennaio come inizio del nuovo anno. Nel 46 d.C. il calendario giuliano confermò definitivamente la scelta del 1° gennaio come Capodanno.
3) A Capodanno si usa mangiare dei cibi porta-fortuna. La scelta ricade su tutto ciò che è a forma di anello. L’anello rappresenta infatti un cerchio perfetto e la chiusura del ciclo dell’anno.
4) In Spagna, 12 secondi prima della mezzanotte vengono consumati 12 chicchi d’uva, uno per ogni rintocco di campana.
5) I Celti festeggiavano il Capodanno nella notte tra il 31 ottobre e il 1 di novembre... ovvero ad Halloween!
capodanno, un viaggio sulla luna e ritorno
Il 31 sera si brinda, si brinda con le bollicine e, naturalmente, lo champagne è il modo migliore per farlo.
Lo champagne infonde allegria e buon umore e sicuramente mette tutti d’accordo sul fatto che è sempre il momento di degustarne un bicchiere.

«Lo champagne aiuta la meraviglia», come sosteneva la scrittrice decisamente anticonformista George Sand in piena epoca romantica.

«Lo Champagne è il solo vino che rende una donna bella dopo aver bevuto», diceva, nel secolo precedente, l’ancora più audace Marchesa di Pompadour.

«Prima o poi arriverà nella vita di ogni donna un momento in cui l’unica cosa che può essere d’aiuto è una coppa di champagne», consigliava la grande diva hollywoodiana Bette Davis, altra donna dalla forte personalità.

capodanno, un viaggio sulla luna e ritorno