Per le forniture di arredi per alberghi, ristoranti, bar, uffici e comunità >> richiedere quotazioni personalizzate
AZIENDA - Che cosa vorresti reinterpretare?

Che cosa vorresti reinterpretare?

La forza del design è quella di reinterpretare i più semplici oggetti che ci circondano.

Stefano Giovannoni, Studio Job, Nika Zupanc sono stati in grado di trasformare il quotidiano in straordinario regalandoci creazioni uniche nel loro genere.
Il coniglio è un animale gentile, amorevole e tenero.
E’ un dolce auspicio di buona fortuna e desideri.
La sedia Coniglio è l’ultima creazione di Stefano Giovannoni.
Le orecchie del coniglio diventano lo schienale della sedia.
Ha una doppia variante: per adulti e per bambini, ma ha anche una terza variante: più essere una lampada sia da interno che da esterno.

che cosa vorresti reinterpretare?
che cosa vorresti reinterpretare?
Kong è sorprendentemente tecnologico e quasi umano. E’ fisicamente fuori misura per essere un giocattolo.
Kong è una lampada che fa luce grazie al suo braccio mobile regolabile in molteplici posizioni.
Se nel film del 1933 Kong era una bestia selvatica strappata al suo habitat naturale, oggi, grazie al look creato daStefano Giovannoni, Kong non fa più paura, anzi, diventa un unico e straordinario oggetto.

che cosa vorresti reinterpretare?
Killer è un insolito portaombrelli.
Siamo abituati ad immaginare gli squali come animali feroci ma questa è una storia di fantasia a proposito di uno squalo, Mr. Holder, che da qualche parte in qualche mare, pur amando nuotare non poteva farlo. Veniva così deriso da tutti gli altri squali che lo definivano una noiosa signorina. Così Studio Job con il magico potere di reinterpretare i più semplici oggetti del quotidiano, lo trasformò in un insolito portaombrelli salvandolo dal suo triste destino.

che cosa vorresti reinterpretare?
Mexico è un tavolino-sgabello che sdrammatizza anche ciò che ci fa paura, la morte. Studio Job racconta di essersi ispirato ad una figura leggendaria che viveva avvolta nel mistero, non distante dalla casa degli stessi designer: era chiamata “la cantante senza nome”. Nessuno l’aveva mai vista uscire dalla sua casa, dove pesanti tende in velluto la celavano agli sguardi dei curiosi. La cantante misteriosa, fu l’autrice di un grandissimo successo musicale, intitolato appunto Mexico.
che cosa vorresti reinterpretare?
La sedia Ribbon è l’oggetto che esprime al meglio, con un’icona forte ed essenziale, il linguaggio femminile di Nika Zupanc. E’ un oggetto la cui identità suscita feeling ed empatia con tutte le donne. Il fiocco è segno leggiadro e sorprendente, espressione di un dono o di un evento festoso. Nika lo ha fatto proprio e lo ha donato a tutti noi.
che cosa vorresti reinterpretare?