BLOG - Ci vediamo al Radetzky!

Ci vediamo al Radetzky!

Ci vediamo da Radetzky, equivale per me, al ci vediamo da Mario per Ligabue;)

Serate d’estate a pianificare le vacanze, pomeriggi di lacrime con amiche con il mal d’amore e aperitivi piccanti, accompagnati da bollicine, ma anche ricche colazioni con caffè e brioches.
Aperto dal mattino fino a notte fonda, si puo bere e mangiare a qualsiasi ora, davvero raro a Milano.

Nome Austriaco, cuore Italiano, Radetzky apre nel 1988 per volontà di Vincenzo Iannetti che trasforma un semplice bar in largo La Foppa in un locale con forte personalità e caratterizzato da un’innovativa architettura, progettata dall’architetto Florenzia Costa.
C’è sempre movimento al Radetzky, bella gente, una bella energia.

Da poco diventato anche Gastronomia, offre dei piatti tradizionali prelibati, da portare via.
Lasagna, Parmigiana e Pollo sono le pietanze che si possono trovare ogni giorno.
Credo che la fortuna di questo locale sia la location, in una degli spot più belli di Milano.

Quando sono a Milano, al 90% del mio tempo mi potete trovare in zona Moscova, è la mia parte preferita di Milano. Il Radetzky è per me un punto fondamentale d’incontro con i miei amici. All’interno del locale vi è un gigantesco tavolo rotondo che spesso monopolizziamo per organizzare i nostri summit di importanza strategica! Il Radetzky ci fa sentire un po’ come i cavalieri alla tavola rotonda! Se mi vedete li, sicuramente è perchè qualcosa è appena successo o dovrà succedere! Vedere per credere! :)

ci vediamo al radetzky!
Dal milanese foppa, ossia "buca", venne dato proprio perché un tempo vi era presente un avvallamento.
Oggi è un’isola pedonale molto frequentata dalla vita notturna milanese.

Corso Garibaldi - Largo La Foppa negli anni ’60.
ci vediamo al radetzky!